Matthias Brandes – Apr. 2006

Matthias Brandes, nato a Bochum (Germania) nel 1950, è cresciuto a Francoforte e dal 1961 ad Amburgo dove ha studiato all’Accademia e all’Università, pittura, storia dell’arte e pedagogia.
Nel 1976 si laurea in pedagogia e dal 1979, dopo l’abilitazione per l’insegnamento liceale, si dedica esclusivamente alla pittura vivendo ad Amburgo e parte dell’anno a Meolo (Venezia).
Svolge un’intensa attività espositiva in Germania ed insegna qualche anno disegno al Politecnico di Amburgo. Nel 1993 si trasferisce in Italia a Meolo.
Dal 1999 inizia ad esporre frequentemente in Italia con numerose mostre personali a Venezia, Treviso, Oderzo, Bari, Legnano, Milano, Bologna, Varese, Bergamo, Brescia.
Partecipa alle più importanti Fiere d’Arte tra cui Bologna, Milano, Padova, Parma, Vicenza, Verona, Bari etc.

Nelle opere do Matthias Brandes, che in scena vadano “l’Arrivo” o “Acqua alta” o “Vita silente di 3 case”, tanto per citare alcuni titoli delle sue opere più recenti, gli oggetti si affrancano dal loro ruolo e diventano soggetti con una loro autonomia, pronti a recitare una parte non prevista dal copione.

Matthias Brandes, come un burattinaio che muove i fili invisibili dei suoi oggetti, rivitalizza il quotidiano. Scombinando con eleganza la storia dell’arte riporta l’attenzione su quella poetica dell’oggetto che ha caratterizzato l’arte figurativa del Novecento e ne rintraccia l’aspetto spirituale, la parte nascosta dell’oggetto – soggetto stesso.
Guardando le opere di Matthias Brandes è facile, di primo impatto, essere assaliti da inquietudini e turbamenti, come se, improvvisamente, le nostre certezze s’incrinassero. Ma le sue case, le sue navi, i suoi alberi, pur vivendo in equilibri precari, hanno una sorprendente solidità eterna.

Arca Olio su tela - cm. 120 x 120

Arca Olio su tela – cm. 120 x 120

Villaggio olio su tela - cm. 70 x 80

Villaggio olio su tela – cm. 70 x 80